| Contattaci

                                     
    | Chi Siamo 
  | Storia
    | Cucina
    | Fotografie

Nessuna certezza abbiamo sulle origini di Brusatasso e da dove derivi questo nome.

Si possono azzardare due ipotesi: la prima che un tempo in questi luoghi fossero presenti numerose piante di Tasso e che le popolazioni le bruciassero; la seconda che vivesse una numerosa colonia di Tassi, animali che avrebbero infastidito gli abitanti, le loro colture e il loro bestiame, e per questo siano stati sterminati con il fuoco.

Facendo però una ricostruzione storica del territorio, la prima ipotesi sarebbe poco attendibile perché la zona era paludosa. Il fiume Po prima dell’anno 1000 non si trovava dove lo vediamo noi oggi, seguiva il percorso del canale chiamato Po Vecchio, che si trova poco distante dal centro del paese. Considerando che non esistevano gli argini attuali è molto probabile che i terreni del circondario fossero sovente soggetti ad allagamenti. Esistono dei documenti che parlano delle isole tra i canali Zara e Burana e una di queste isole è Suzzara, chiamata così perché posta “sopra a Zara”. E' quindi per noi difficile supporre che nei luoghi dell’attuale Brusatasso esistesse un borgo o qualcosa di simile, è però certa l’esistenza di una Cappella intitolata a S.Michele Arcangelo, come risulta da un documento del 1073 nel quale il Vescovo di Reggio Emilia Gandolfo, donando alcune terre al Monastero di S.Prospero cita

tra i confini “eccl.S.Michaelis in Brusataxo”.

          | Dove Siamo
                 
                 
                 
                 
                 
                 
                 
                 
                 
                 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

               
                                               
                                                           
...Copyright © 2008 La Taverna del Tasso

WebDesign 2008 APOGEO Multiservizi...